Animal Crossing: New Horizons, datamine su come il gioco determina gli abitanti che vogliono trasferirsi

2 min.
27.05.2020
Notizie


Tutti i giocatori di Animal Crossing: New Horizons hanno almeno un abitante che vorrebbero cacciare dall’isola. È nella natura umana. Ma come fare a spingere un abitante ad andarsene? In rete si trovano vari metodi che si contraddicono anche tra loro: chi dice di prenderli a retinate, chi di ignorarli completamente, chi di non ignorarli ma di parlare loro ogni due o tre giorni… insomma è un casino.

Questa notizia non spiega un “metodo miracoloso” per mandare via gli abitanti che non ci piacciono senza comprare carte amiibo, ma semplicemente riportiamo un datamine del solito Ninji che dovrebbe gettare un po’ di luce su come il gioco determina che abitante ci chiederà di trasferirsi. Ecco il thread originale e la nostra traduzione:

Nota: i dati sono stati raccolti dalla versione 1.2.0. Nell’attuale 1.2.1 non dovrebbero esserci state modifiche, ma giusto per essere chiari. Le considerazioni tra parentesi quadre sono mie e non fanno parte dei tweet originali.

Bisogna avere almeno 6 abitanti sull’isola prima che qualcuno consideri di andarsene.

Ogni giorno, la probabilità in percentuale che un abitante se ne vada è pari a (v*5)+c, dove v è il numero di abitanti sull’isola e c è la variabile MoveOutTalkCont, cioè il numero di giorni da quando un abitante ha chiesto di partire (massimo 30). [Quindi il massimo di probabilità di trovare un abitante che vuole andarsene, se ci sono 10 abitanti e l’ultima volta è successo un mese fa, è dell’80%] Ma non è tutto.

C’è un cooldown di 5 giorni dopo che un abitante ha chiesto di andarsene, quindi nessuno lo chiederà mai se c è minore o uguale a 5. C’è anche un cooldown di 15 giorni dopo che un abitante se n’è effettivamente andato, che inizia dal giorno in cui la casa è sparita e il terreno è libero.

Si può evitare il cooldown di 5 giorni evitando di parlare all’abitante che vuole trasferirsi, oppure chiudendo il gioco senza salvare prima di aver selezionato “resta”.

Se questi check passano, un abitante a caso è scelto per chiedere di andarsene. La probabilità di ogni abitante è data da una funzione a parte intera [(300-a)/10]-r dove a è la media del valore di amicizia di quell’abitante con tutti gli altri; e r è il numero di abitanti con l’amicizia superiore a 200.

L’amicizia è un valore compreso tra 0 e 255 che inizia a 25. Quindi il valore della funzione è 27 per gli abitanti appena arrivati, e scende man mano che sale l’amicizia.

Un abitante non chiederà mai di andarsene se:

-La sua casa sta venendo spostata;
-Il suo compleanno è stato negli ultimi 7 giorni (o forse è il contrario: se il compleanno è nei prossimi 7 giorni. La funzione non è ancora stata decompilata alla perfezione);
-È l’ultimo ad averlo chiesto e gli è stato detto di rimanere;
-È l’ultimo arrivato (anche questo non è sicuro, ma c’è una variabile chiamata NewestVillagerIndex).

Quindi non esiste un metodo “magico” per mandare via l’abitante che non ti piace, si può manipolare leggermente ma è comunque basato sul caso.

Inoltre, questo calcolo non si applica agli abitanti scelti da un campeggiatore: quelli sono completamente a caso, e sono esclusi solo quelli la cui casa sta venendo spostata.

E per concludere, rassicuriamo i veterani dicendo che, a differenza di New Leaf, un abitante non se ne andrà mai senza il permesso del giocatore. Almeno in quel senso possiamo tirare un sospiro di sollievo.