7 agosto 2017 • Notizia

Splatoon 2 – Vittoria assoluta della maionese… E i perdenti accusano lo Splatfest d’esser truccato

Il ketchup non è mai stato così salato

Fuori dal Giappone i risultati con Splatoon 2 si ripetono: la maionese e Alga vincono anche in America e Europa, questa volta perdendo solo per il numero di voti, per noi europei 34%-66%; voti contrastati dalle vittorie che maionese ha avuto battendo il ketchup nel 51% degli scontri sia in solitaria che in squadra.
Ma sembra che i fan del ketchup non vogliano accettarlo: la fazione perdente sta accusando lo Splatfest d’essere truccato.

Le accuse si basano sul fatto che visto che la stragrande maggioranza ha votato per il ketchup, non può essere che il numero così piccolo del team maionese abbia vinto abbastanza scontri… Ma un onesto rappresentante del team ketchup ha deciso di spiegare come stanno le cose:

“Avrete notato che il ketchup (73%) ha spaccato il culo alla maionese (27%) per quanto riguarda i voti. Poco sorprendente, considerando che Nori era nel team ketchup, e tutti amano Nori (N.d.T.: tale “tutti” sembra stare a indicare persone di pessimo gusto). Il fatto è che Nori è stata così popolare che molti giocatori pro-ketchup hanno finito col scontrarsi con altri dello stesso team. Non c’erano letteralmente abbastanza giocatori pro-maionese. Ho giocato durante lo Splatfest per tutto il giorno e le mie partite contro quelli della maionese sono state una manciata. Invece, stimerei che l’85% dei miei match sono stati svolti contro compagni ketchuppari.”

Infatti le uniche vittorie che contano per il gioco sono quelle tra team di fazioni diverse.
Paradossalmente, sembra che l’eccessiva fama di Nori sia stata controproducente in occidente.

E questo Splatfest finisce qui. Vi terremo aggiornati alla prossima competizione. See ya soon!

Ora, se non vi spiace, il sottoscritto va a contare i suoi Super Molluschi.

Fonte: My Nintendo News

Altro videogiocatore di lunga data, fanatico di Super Mario e Sonic e giocatore competitivo Smash Bros. La sua ambizione è quella di diventare un traduttore di videogiochi, e al momento si diletta in tutto ciò che è relativo a quest’ultimi. Se c’è una frase che può descriverlo, sarebbe sicuramente “Jack of all trades, master of none”.
I suoi due slogan sono “It’s-a Mirax!!” e “Guardatevi Clannad.”

Lo trovate anche su Facebook e su LinkedIn