25 giugno 2018 • A ruota libera

Alla scoperta di Pokémon Oro e Argento Beta – I Pokémon

La scoperta delle demo di Oro e Argento ha lasciato tutti di stucco, e tutti si sono messi ad analizzarle e spolparle in ogni modo possibile. Noi non vogliamo essere da meno, e quindi vi presentiamo una serie di articoli per farvi conoscere cosa sarebbe potuto essere con Oro e Argento.

Iniziamo dalla cosa più importante per un gioco di Pokémon… no, non le waifu, i mostri. Il Pokédex di Oro e Argento beta era composto, come quello dei giochi finali, da 251 creature, pertanto 100 in più rispetto alla prima generazione. Ma tra di esse ce ne sono di molto diverse da quelle finali, e ora le passeremo in rassegna. Abbiamo deciso di dividerle in tre categorie: Pokémon che poi sono giunti (con più o meno modifiche) nel gioco finale, evoluzioni e (soprattutto) pre-evoluzioni di Pokémon di prima gen mai arrivate a noi, e infine Pokémon che sono stati completamente scartati. Iniziamo!

(Nota: nella maggior parte dei casi, anche i numeri di Pokédex dei Pokémon nella demo sono diversi da quelli finali. In questo articolo useremo i numeri della demo)

Pokémon modificati

Le uniche note da fare sui Pokémon di prima generazione presenti nella demo sono che gli sprite vengono quasi esclusivamente da Pokémon Blu giapponese (la “terza versione” dopo Rosso e Verde, dalla quale derivano Rosso e Blu occidentali). Fanno eccezione Pikachu e Chansey, che vengono dalla Game Boy Camera; e Mew, che viene dalla cartuccia speciale usata per distribuire il Pokémon leggendario a quella stessa manifestazione del 1997. Includeremo qui anche gli starter perché sì, sono diversi ma possiamo dire che sono le versioni primitive di quelli che abbiamo avuto.

152 – 153 – 154 – Chikorita, Hanamogura e Meganium

Pokébeta    

Gli starter sono tra i pochi mostri di questa versione beta che già si conoscevano. Chikorita in questa versione si chiama “Happa“, che in giapponese vuol dire “foglia”, e come possiamo vedere è quasi identico a Chikorita. Hanamogura deriva dalle parole “fiore” e “talpa”, e a differenza del suo predecessore è completamente diverso dal Bayleef che conosciamo, avendo l’aspetto quasi di un esserino che vive in un fiore gigante. Al livello 32 si evolve in Meganium, allora noto come Hanaryuu (da “fiore” e “drago”).

155 – 156 – 157 – Honoguma, Borubeaa e Dainabea

     

La famiglia dello starter di fuoco è del tutto diversa da quella di Cyndaquil. Come dice il nome “kuma” e “beaa” (bear) sono basati su degli orsi. Anche l’artwork di Honoguma era già noto prima della scoperta di questa demo. Di nuovo, Borubeaa si evolve al livello 32.

158 – 159 – 160 – Kurusu, Akua e Akueria

Pokémon Oro e Argento beta     

Lo starter d’acqua è una specie di piccola foca. Il nome del primo stadio potrebbe derivare da “cruise” (crociera), mentre le sue evoluzioni si chiamano con molta fantasia “aqua” e “aquaria”.

161 – 162 – Hoothoot e Noctowl

  

Hoothoot è praticamente identico alla sua versione finale, salvo che non è di tipo Normale/Volante, bensì Volante puro. Lo stesso non si può dire della sua evoluzione, che è completamente diverso dal Noctowl che conosciamo. Ha gli occhi stretti e malvagi e sta su una sola zampa come la sua pre-evoluzione.

163 – 164 – 165 – Mareep, Flaaffy e Ampharos

      

Questi tre Pokémon pecoreschi sono quasi identici alla loro versione finale. Mareep è rosa come Flaaffy, che è mi è sempre sembrato strano fosse l’unico rosa della famiglia. Altre differenze sono il fatto che l’evoluzione avviene ai livelli 16 e 32, invece che 15 e 30, e il nome giapponese di Mareep. In questa versione è Pachimee, da “pachi” (scoppiettio elettrico, vedi Pachirisu) e “mee” (onomatopea del verso della pecora).

169 – Haneei

Haneei è talmente diverso dalla sua controparte che la loro parentela non è certa. Tuttavia la forma del corpo e il tipo Acqua/Volante fanno supporre che sia una versione primitiva di Mantine. Infatti il suo nome deriva da “haneru” (saltare) o “hane” (piuma) e “reei” (ray, razza).

170 – Qwilfish

Qwilfish, chiamato in questa versione Pukuu, è il nostro pesce palla preferito, senza grandi modifiche. La differenza principale è che non è Acqua/Veleno ma solo Acqua. Poi ce n’è un’altra ma ci arriveremo dopo.

172 – Pichu

Questa versione primitiva di Pichu sembra un criceto a cui sono state attaccate delle parti in cartoncino nero per farlo sembrare un Pikachu. Siccome la meccanica dell’amicizia non era ancora stata implementata a questo punto dello sviluppo, si evolve in Pikachu al livello 12.

173 – Cleffa

Dotato di una strana protuberanza sulla testa, anche lui evolve al 12 in Clefairy.

174 – Igglybuff

Anche lui evolve al 12. Come potete vedere, è praticamente identico alla versione finale, ma senza il ciuffo di peli sulla testa. In effetti così sembra nudo.

175 – Quagsire

Molto simile alla sua versione finale. Il nome giapponese, Mizuuo, deriva dal nome giapponese dei pesci della famiglia Alepisauridae (cercate su Wikipedia). Non è Acqua/Terra ma solo Acqua, e cosa più importante: è un Pokémon singolo. Wooper ancora non esisteva.

176 – 177 – Natu e Xatu

  

Questi due sono praticamente identici, a parte il fatto che l’evoluzione non avviene al livello 25, ma tramite uno strumento: una delle due pietre evolutive scartate dal gioco finale. Kokoro no ishi è il suo nome giapponese, seguendo la traduzione delle altre pietre potremmo chiamarla Pietracuore.

179 – Marill

Di colore rosa, un altro degli artwork già noti, la discussione su Marill beta (o dovrei dire “Pikablu”) meriterebbe un articolo a parte. In questa versione Marill non si evolve.

183 – Crobat

Un altro abbastanza simile alla versione finale, salvo il nome giapponese e il metodo di evoluzione. Non c’è amicizia, quindi Golbat si evolve al 44.

185 – 186 – Spinarak e Ariados

  

I due ragnetti sono molto simili alle loro versioni finali. Spinarak evolve al 23 anziché al 22, e il nome giapponese di Ariados è Tsuuheddo, traslitterazione di “two head”, infatti la faccina carina sulla schiena di Spinarak si evolve in questa versione in una vera e propria faccia malvagia degna di rivaleggiare con quella di Arbok.

187 – Skarmory

Il nome giapponese è Yoroidori, da “armatura” e “uccello”. Praticamente identico alla versione finale.

190 – Sunflora

Il suo nome è Sanii (Sunny), e non ha evoluzioni. Il potentissimo Sunkern è stato inventato dopo. Inoltre è di tipo Erba/Psico.

191 – 192 – Phanpy e Donphan

  

Mentre Donphan è identico alla versione finale, Phanpy (chiamato Paon, dall’onomatopea di un barrito) è leggermente diverso. La proboscide fa un piccolo ricciolo e l’elefantino si evolve al 33 anziché al 25.

194 – Girafarig

Anche il suo artwork si conosceva, e all’epoca era un vero e proprio palindromo: quella che poi è diventata una mini testina nera da Categnaccio era una vera e propria altra metà anteriore. Girafarig era Normale/Buio (non Normale/Psico) e cosa ancor più sbalorditiva, era evoluto! Ma della sua pre-evo ne parliamo dopo.

195 – Smeargle

Di nuovo, salvo il nome (Peintaa = “painter”) Smeargle è uguale alla sua versione finale. Anche lui conosce solo Schizzo.

199 – Politoed

Molto molto diverso dalla versione finale, anche se si può riconoscere la spirale sulla pancia. Questa versione di Politoed si evolve da Poliwhirl con la Pietracuore.

200 – Slowking

Identico alla versione finale, si evolve con Roccia di Re.

201 – Unown

Ci sono tutti e 26, sono tutti uguali, ma sono di tipo Normale e non Psico.

202 – 203 Ledyba e Ledian

  

Ledyba è quasi uguale alla sua versione finale, nella demo mancano i dati per l’evoluzione. Ledian invece è molto diverso, quasi una coccinella normale con delle stelle al posto dei pallini. Il suo nome è Mitsuboshi, che deriva dalle parole “mitsu” (albero), e “hoshi”, che può voler dire sia “stella” che “macchia di coccinella”. In effetti questo Ledian non sembra molto un’evoluzione rispetto a Ledyba.

206 – 207 – Espeon e Umbreon

  

Le due nuove Eeveeluzioni sono presenti anche in questa demo. Espeon è di colore giallo luminoso anziché viola e Umbreon è di tipo Veleno e non Buio. La grande differenza qui è il metodo di evoluzione: Espeon evolve da Eevee con Pietracuore e Umbreon con Pietraveleno (Doku no ishi), l’altra pietra evolutiva scartata.

209 – 210 – Remoraid e Octillery

  

La coppia pre-evo/evoluzione più stramba della storia è qui! E sono ancora più strani, visto che Remoraid è una cacchio di pistola con occhi e bocca, che si evolve al 34 (non 25) in Octillery, che ha una specie di guscio d’uovo addosso che pare un’armatura e lo fa somigliare a un boss di Super Mario Land. Per quanto una remora che si evolve in un polpo abbia comunque meno senso di un cieco che guida gli orbi, almeno vediamo qui un tema “artiglieresco” che poi si è perso.

211 – 212 – Tyrogue e Hitmontop

  

Le due nuove aggiunte alla famiglia Hitmon sono piuttosto strane. Tyrogue è una specie di orsetto, ed evolve al 15 (non 20) in uno dei tre Hitmon. E a proposito, Hitmontop, che cavolo ti è successo? Se guardate attentamente potete notare che quell’essere funziona sia che lo pensiamo a testa in giù che in su. Inquietante, datemi il mio normale Hitmontop per favore.

214 – 215- 216 – Hoppip, Skiploom e Jumpluff

    

I tre batuffoli di polline mantengono la stessa idea di base (il ciclo vitale di una pianta da foglia a fiore a polline), ma la eseguono in maniera diversa. Mantengono il corpo tondo e la faccina carina, ma hanno anche tutti e tre una grossa coda tondeggiante. Di Hoppip mancano i dati sull’evoluzione, ma Skiploom si evolve al livello 40 e non 27.

218 – Smoochum

La versione primitiva di baby-Jynx, qui chiamata Rippu (“lip”) è molto meno jailbait dello Smoochum che conosciamo, sembra semplicemente un Jynx in miniatura (grazie al cielo) senza le tette. Si evolve al livello 15 anziché al 30, ed è di tipo Ghiaccio puro e non Psico/Ghiaccio.

219 – Elekid

Proto-Elekid, chiamato Erebebii (Elebaby) ha uno sguardo molto più puccioso dell’Elekid finale. Inoltre gli mancano il fulmine sullo stomaco e la spina sulla testa che sostituisce con una specie di antenna. Si evolve al livello 15 anziché 30, e in questa versione della demo è possibile ottenerlo solo maschio.

220 – Magby

Questa versione di Magby, rispetto a quella finale, somiglia molto di più a un Magmar in miniatura. Evolve al 15 e ha dei “capelli” simili a quelli della sua forma evoluta, invece del taglio arrotondato alla Dilbert del Magby finale.

221 – Bellossom

L’evoluzione alternativa di Gloom qui ha la pelle scura come gli altri membri della sua famiglia. È di tipo Erba/Veleno invece di Erba puro, e si evolve da Gloom con la Pietraveleno.

223 – Miltank

Uhm, niente da dire, è identico alla versione finale, salvo il muso più “muccoso”.

225 – Delibird

Ha! Capita? È sul 25? Comunque, Delibird si chiama qui Gifuto (“gift”) ed è ancora più palesemente Babbo Natale. Ah, e poi è Acqua/Ghiaccio invece che Ghiaccio/Volante.

231 – Murkrow

Il Murkrow beta somiglia abbastanza a quello finale, salvo la coda/scopa più lunga e il cappello più simile a uno tipico “da strega”, a punta e a strisce.

232 – Blissey

Che dire di questo proto-Blissey? Si chiama Happii (happy) e ha in testa quello che dovrebbe essere un cuore, ma sembra tutt’altro. Inoltre la tasca con uovo si trasforma in due tasche con uova ai lati a mo’ di fondine. Inoltre, questa versione evolve da Chansey al livello 45.

233 – Scizor

Qui Scyther non si evolve con Metalcoperta, ma al livello 41. Anche perché… qui Scizor non è di tipo Acciaio, bensì Coleottero/Volante. Il suo aspetto è quasi uguale a quello dello Scizor finale, ma verde.

235 – 236 – Houndour e Houndoom

  

I due famosi cagnacci infernali di tipo Buio… non erano di tipo Buio. I due Pokémon in questa demo hanno un aspetto molto più derposo e meno feroce, decisamente meglio la versione finale. Inoltre, sono di tipo Fuoco puro e Houndour si evolve al 35 invece che al 24.

239 – Porygon2

Eh… scusa? Ebbene sì, questo coso a forma di leone è proprio Porygon2. Anche qui evolve da Porygon con Upgrade, e il motivo del suo aspetto così particolare è che sta parodizzando Pon de Lion, la mascotte dell’azienda di dolci giapponese Mister Donut.

Pon de Lion
Aah, la criniera è una ciambella! Adesso ho capito…

AGGIORNAMENTO: Ulteriori indagini hanno portato alla conclusione che il personaggio di Pon de Lion ha debuttato solo nel 2003. Quindi come si spiega la faccenda? Pare che Yuichi Ito, il designer che ha creato Pon de Lion, intorno al 1996 lavorasse per Game Freak (si sa che è autore di questa pubblicità per un gioco NEC Interchannel uscito proprio in quell’anno). Quindi è possibile che il design di proto-Porygon2 fosse di Ito, e che poi l’abbia riutilizzato per un leone ciambelloso? Possibile, anche se continua a non spiegarsi l’enorme differenza d’aspetto con il primo Porygon. Beh, questa è la generazione di Remoraid e Octillery dopotutto…

241 – Steelix

Steelix è quasi identico alla sua versione finale, salvo il fatto che non occorre lo scambio, ma evolve al livello 38.

242 – Kingdra

L’evoluzione di Seadra in questa versione abbraccia molto di più il “dra” nel suo nome. Infatti ha zampe, quelle che sembrano ali e un muso decisamente dragonesco.

243 – 244 – 245 – Raikou, Entei e Suicune

    

Mantengono anche lo stesso numero di Pokédex del gioco finale i tre cani leggendari. Il loro aspetto però è molto diverso rispetto alla versione finale, sono certamente più generici. Raikou (chiamato “Rai”) è praticamente il frutto dell’amore proibito tra un Manectric e un Luxray. Entei (“En”) è un genericissimo cane di fuoco che potrebbe passare per l’evoluzione alternativa di Vulpix… e Suicune (“Sui”) è il cane creepy di Full Metal Alchemist. Quello lì, dai.

246 – Sneasel

L’astuta donnola di ghiaccio qui ha un aspetto molto più carino e coccoloso, di colore bianco e nonostante ciò è di tipo Buio puro.

247 – Ho-Oh

Nessuna traccia di Lugia nella demo Spaceworld, abbiamo invece Ho-Oh, il favoleggiatissimo Pokémon misterioso che vola oltre l’arcobaleno… in questa versione è di tipo Volante puro.

248 – Togepi

Un altro Pokémon già introdotto nell’anime, il piccolo Togepi è esattamente come lo conosciamo noi. Nella demo non figura però Togetic, la sua evoluzione.

249 – Snubbul

Di aspetto sembra uguale a quello che conosciamo, ma ha molte differenze! Tanto per cominciare, non ha evoluzioni, poi è esclusivamente femmina e di tipo Psico. Perché i carlini hanno poteri psichici e ci ipnotizzano nel farci credere di non essere orripilanti?

250 – Aipom

Questa prima versione di Aipom è chiamata Teiru (“tail”), è quadrupede e più simile a un lemure che all’essere scimmiesco generico della versione finale.

251 – Leafy

Teniamo il meglio per ultimo, e anche chi ha fatto questa demo. Leafy non è uno YouTuber senza mento, ma una nuova evoluzione di Eevee… e la mettiamo tra i Pokémon poi apparsi nel gioco, ma non questo gioco, bensì la quarta generazione! La somiglianza fisica impressionante fa capire che si tratta proprio di una versione primitiva di Leafeon. Inoltre, qui si evolve con Pietrafoglia… perché non è così anche nei giochi finali?!

Ora, amici miei, se voltate pagina possiamo parlare delle stranissime evoluzioni e pre-evoluzioni di Pokémon di prima generazione.

Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di scrivere la tesi ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di scrivere la tesi ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.