26 ottobre 2014 • Notizia

Pikmin e animazione: abbiamo un trailer

Vi ricordate quelle voci sul film di Pikmin in collaborazione con lo studio Ghibli? Più o meno si parla di questo.

Ieri, all’International Tokyo Film Festival sono stati mostrati dei cortometraggi su Pikmin. Non abbiamo ancora i cortometraggi in sé, ma almeno si sono preoccupati di darci il trailer qua sopra.

Miyamoto ha anche rilasciato un’intervista insieme a Nobuo Kawakami, il presidente della Dwango (l’azienda che gestisce nico nico, quella sottospecie di youtube giapponese ma cento volte più random) e ha detto che i cortometraggi sarebbero stati rilasciati nell’eshop. Ovviamente che anche noi baka gaijin li riceveremo non ci è dato saperlo, visto che il massimo che possiamo avere è quello schifo di Mario Gatto Show.

Saranno 3 cortometraggi: “The Night Juicer” di 3 minuti dove Olimar cerca di farsi un succo (di pikmin?), “Treasure in a Bottle” di 8 minuti dove i Pikmin troveranno un tesoro in una bottiglia (ma va?) e “Occupational Hazards” di 13 minuti dove i Pikmin vanno in un cantiere (?????).

2013-09-06-508-Sustenance

Perché proprio i Pikmin? Chi se ne fregherebbe dei Pikmin? Miyamoto ci dice che in-game i pikmin sono molto piccoli, quindi farne un cortometraggio avrebbe potuto dare maggiori spunti di riflessione sui pikmin. Su cosa bisognerà riflettere non ne abbiamo idea, dato che a livello di trama sembrano essere come i cortometraggi di Kid Icarus con Palutena che cucina.

Ah, e vi ricordate Flipnote 3DS? Quell’app figa dove si facevano cose come gli storyboard? Perché Miyamoto non si smentisce e l’ha usata per fare lo storyboard dei cortometraggi.

La produzione è stata fatta da un team esterno di computer graphic. I modelli presi come ispirazione sono quelli del gioco, ma dato che dovevano essere più dettagliati (tipo, 10 volte quelli di Pikmin 3) sono stati modificati. C’è stata persino una scena del terzo cortometraggio con 500 pikmin a schermo, molti dei quali ricoperti di fango. Roba decisamente improbabile da realizzare nel gioco.

Poi ha parlatodel film live-action di Mario, dicendo che aveva una trama interessante e che gli piaceva. Chiaramente deve aver visto un film diverso dal resto del mondo. Chissà, magari questi cortometraggi apriranno una strada che la Nintendo non avrebbe problemi a percorrere. Hanno anche fatto il film di Metroid! …O era un gioco? Ma sì, quello lì con Adam Malkovich. Forse era davvero un gioco…

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all’arena dei mostri per ottenere la spada Falcon.
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Dario "Spiky" Vetrano

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all'arena dei mostri per ottenere la spada Falcon. Lo trovate su Facebook e Twitter.