28 giugno 2017 • Sito

Nintendoomed’s Wacky Races: i risultati!

Sì, lo sappiamo, vi abbiamo fatto attendere anche fin troppo, ma alla fine eccoli qui, i risultati del nostro contest Nintendoomed’s Wacky Races dedicato a Mario Kart 8 Deluxe per Nintendo Switch!organizzato insieme ai ragazzi di EMP! È stata dura selezionare i vincitori, ma ecco infine la nostra top 10…

10)  David Molina – 2:32.245
9)  TS69 – 2:24.725
8) Salvatore Azzena – 2:19.612
7) Daniele Sala Tenna – 2:18.434

Non ci siamo ragazzi, potevate impegnarvi di più! Ma andiamo avanti…

6) Diego Lo Iacono – 2:17.943
5) Giorgia Prati – 2:17.741
4) Simone Tumminelli – 2:11.318

Dei risultati che non si allontanano molto da quelli degli altri concorrenti, ma che comunque potevano fare di meglio. Siete stati bravi però, per arrivare fino a questa posizione!

3) Nue Houjuu – 2:08.187
2) Selem – 2:08.001

Ed infine, il primo, acclamato, posto va a…

1) Storm Kyleis – 2:06.524

Ancora complimenti per la vittoria, Storm! Contattaci all’email filippo.corso@nintendoomed.it per ricevere il tuo premio!

Speriamo che questo piccolo evento sia stato di vostro gradimento, è stata la prima volta per noi e speriamo di poterlo replicare prossimamente con i prossimi giochi in arrivo su Nintendo Switch. A presto!

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l’addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l’internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest’ultimo non lo usa mai).

Autore: Filippo "Flippoh" Corso

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l'addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l'internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest'ultimo non lo usa mai).