14 aprile 2018 • Notizia

Nintendo brevetta degli schermi che comunicano tra loro

E banane

Nintendo ha appena depositato un altro dei suoi brevetti che tanto fanno discutere: stavolta si tratta di un sistema di schermi che possono comunicare tra di loro.

immagini brevetto
Alcune delle immagini presenti nel brevetto. Vedo che non hanno abbandonato la passione per le banane. Fonte: ResetEra.

Nel brevetto, registrato dallo United States Patent and Trademark Office (ufficio marchi e brevetti degli Stati Uniti) in data 12 aprile, vediamo raffigurato e descritto un sistema di schermi che collegati tra di loro.

A quanto pare, in questo apparato due o più touch screen potranno essere usati insieme, anche se non si toccano. L’immagine più interessante è la seconda che vediamo: una pallina parte da uno schermo, “rimbalza” su una parete immaginaria situata nello spazio tra i due schermi ed entra nel secondo schermo da un’angolazione diversa.

Che tutto questo abbia a che fare con il nuovo hardware a cui Shinya Takahashi ha accennato ai BAFTA? Comunque vediamo di restare diffidenti: un brevetto può voler dire tutto e niente, ricordate quando hanno registrato i nomi Bii, Cii, Oii, Yii e Zii solo per evitare versioni taroccate del Wii?

Fonte: Digital Trends


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.