6 aprile 2018 • Notizia

Una vecchia intervista parla di come Square ha realizzato Super Mario RPG

Recentemente il blog shmuplations ha tradotto una serie di vecchie interviste con i dev di Super Mario RPG, titolo nato da una collaborazione tra Nintendo e Square. Ai tempi vedere un gioco di Mario sviluppato da una compagnia esterna a Nintendo era senz’altro una novità, un po’ come l’anno scorso lo è stato con Mario + Rabbits e Ubisoft.

Di seguito degli estratti interessanti. Potete trovare il post completo (in inglese) qui.

Durante una riunione commerciale con Nintendo si è pensato a lavorare insieme a un progetto. Nintendo ha Mario, e Square ha gli RPG… beh, perché non unire le due cose? La preoccupazione principale era il non voler sviluppare un RPG “normale” con i personaggi di Mario, come se fosse uno sprite-swap scadente di Final Fantasy.

Quando il gioco venne rilasciato nel 1996, era una strana creatura: il giocatore si poteva muovere nel mondo con un party di personaggi, proprio come un normalissimo Final Fantasy – tuttavia era una rappresentazione isometrica di personaggi e paesaggi dai giochi di Mario. Come in un JRPG tradizionale, il giocatore poteva scegliere opzioni come “Attacca” da un menu all’interno di un combattimento a turni – tuttavia la maggior parte dei personaggi di Mario non avevano armi, e le loro azioni sarebbero state influenzate dalla capacità del giocatore di premere dei pulsanti nel momento giusto durante un attacco.

Prima ancora di iniziare a sviluppare Mario RPG, noi di Square avevamo questo preconcetto di RPG = armi. Parlando con Miyamoto, tuttavia, fu chiaro che sarebbe stato strano per un gioco di Mario, che non sembrava adatto. Capire questo significava un grosso cambiamento nella direzione dello sviluppo. Abbiamo sempre immaginato i nemici armati, però. L’unica eccezione che abbiamo mantenuto fu il martello, che era stato incluso dopo richieste insistenti di Miyamoto. Personalmente, credo che faccia più male venire colpiti da un martello che da una spada.

Inoltre, nell’immagine in evidenza potete vedere il processo passo dopo passo nella creazione del modello 3D di Mario utilizzato nel gioco. Se questo articolo vi ha riportato bei ricordi di Super Mario RPG, perché non rigiocarlo su SNES Mini?


Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all’arena dei mostri per ottenere la spada Falcon.
Lo trovate su Facebook e Twitter.