11 luglio 2018 • Anteprima

ANTEPRIMA – Fire Emblem Three Houses: analisi del primo trailer

Siamo giunti quindi alla penultima parte della nostra analisi del gioco, e tanto è quel che abbiamo avuto modo di scoprire da un semplice trailer, ma non abbiamo finito. Su, su, non manca molto!

1:08Ci viene mostrato un castello con uno stendardo che rappresenta uno dei simboli già presenti sulla mappa e nell’illustrazione a 0:27, nonché dietro le azioni assegnabili a Edelgard a 0:39. Pare che ci sarà possibile esplorare liberamente questo castello controllando Byleth, andando ad avvalorare la tesi che si tratti di un Avatar del giocatore. Questo castello molto probabilmente rappresenterà la base del giocatore, in maniera simile al Castello di Fates, ma più espansa.
1:11All’interno di un edificio che sembra rimandare a un luogo sacro, come una chiesa, e in cui è comunque presente ovunque il solito simbolo, possiamo vedere una figura molto simile a Dimitri sulla destra, con cui sarà probabilmente possibile interagire.

1:21Byleth incontra Edelgard nel castello. La giovane parla del fatto che sia giunto il momento del suo allenamento, dando ulteriore conferma del ruolo di istruttore dell’altro. In particolare fa riferimento a una “mock battle”, ossia una “simulazione di battaglia”. Questo può essere interpretato in numerosi modi, anche se, senza maggiori informazioni, è difficile poter giungere a conclusioni certe. Ipotizzando però che Edelgard e gli altri protagonisti stiano frequentando dei corsi o addirittura un’accademia militare, si spiegherebbe il motivo di avere un istruttore e anche la presenza di tutte quelle unità nemiche non generiche viste finora nelle fasi di gameplay. Se si trattasse infatti solo di simulazioni di battaglia, tali personaggi non sarebbero destinati a morire ma col procedere della storia potrebbero addirittura essere reclutati. Seguendo questa ipotesi, è molto probabile dunque che le prime fasi di gioco si svolgano proprio all’interno di questa accademia, funzionando anche da tutorial, come già fatto in altri capitoli della serie.

1:25A questo punto Edelgard chiede consiglio su quale arma concentrarsi durante l’allenamento: l’ascia o la spada. In particolare, si parla di “abilità” di queste armi. Che le Combat Arts delle varie armi si imparino proprio in questo modo?

Fire Emblem Three Houses

1:32Si ritorna a una scena animata, con la ipotetica Seiros che stringe tra le mani un’arma simile a una spada. Il suo aspetto è molto particolare: sull’elsa vediamo il motivo che rimanda alle ali di un drago, simile a quello presente sulla tiara della donna, mentre la “lama” ricorda molto un osso, avvalorando la tesi che essa sia un qualche tipo di reliquia, forse della dea. Vediamo infatti che la stessa Seiros parla a quest’arma, come se rappresentasse qualcuno a cui è affezionata.

1:36Vediamo ora quella che potrebbe essere il possibile utilizzo del comando “formazione”, già visto a 0:39. Dimitri dispone le unità che lo accompagnano a “triangolo” e le manda ad attaccare il nemico.

1:41Si passa a un’altra scena di combattimento in cui un personaggio di cui non sappiamo il nome attacca insieme ai soldati vicini un avversario usando la magia. Vediamo chiaramente che nessuno di essi ha un tomo, andando ad avvalorare la tesi che le magie funzionino come in Gaiden/Echoes. Inoltre, tale personaggio sembra attaccare da una posizione sopraelevata rispetto al nemico. Questo potrebbe essere un semplice effetto grafico, ma potrebbe anche simboleggiare la ripresa della meccanica dei dislivelli presente già in Radiant Dawn.

1:44Con il ritorno delle scene animate riprende anche il monologo di Edelgard, che stavolta chiede al suo interlocutore, probabilmente Byleth, se è disposto ad accompagnarla in un’impresa molto ardua e pericolosa, ossia, probabilmente, l’opposizione alla chiesa di Seiros e ai suoi “segni”.
Nel frattempo, ci viene mostrata la figura di un uomo anziano, forse un generale o addirittura un re, che attacca l’esercito dell’ipotetica Seiros con un’arma che ricorda almeno in parte la “spada” che la donna stringeva a 1:32. L’elsa appare molto simile, ma al posto di una lama c’è una sorta di frusta ricoperto da varie scaglie o parti ossee, non troppo dissimili da quelli dell’arma precedente. Che si tratti della stessa o meno, esse sono comunque molto probabilmente collegate.
Fire Emblem Three Houses

1:48Vediamo una figura che ricorda le Vergini di Ferro essere attaccata da Claude e i suoi. Questa creatura meccanica porta sul petto il solito simbolo che ricorre per quasi tutto il trailer, in primis nel castello e nei menu di Edelgard. Potrebbe essere sia un “manichino” da allenamento, riprendendo il setting dell’accademia, sia una qualche arma della chiesa. L’atmosfera dell’area in cui compare, però, sembra avvalorare maggiormente la seconda ipotesi.

1:52Ritroviamo Byleth che esegue un probabile colpo triplo, accompagnato come da tradizione recente da un cut-in, stavolta del suo modello 3D in movimento.

1:56Su un trono con inciso un simbolo che ricorda quello delle pietre Drago, vediamo dormire una bambina dalle sembianze molto simili a quelle di Tiki in Shadow Dragon. Benché sia molto probabile si tratti di un personaggio diverso, la sua funzione potrebbe però essere molto simile, considerata la sua presentazione. Tuttavia, non ci viene mostrato altro di lei, a parte un suo leggero sospiro, probabilmente emesso durante il suo sonno.

1:59La voce garantisce al maestro che tornerà, un giorno, lasciando intendere che, a un certo punto della trama, Byleth si dovrà separare da Edelgard.
Prendendo un attimo il fiato, ci approcciamo infine all’ultima parte dell’anteprima, dando uno sguardo più ravvicinato ai reali protagonisti del gioco.

Traduttore di professione, esperto di narrativa e appassionato di entrambe le cose. Colpevole di aver pensato più volte “gioco per la trama”. Interessato principalmente a RPG e Visual Novel, perde troppo tempo al giorno a parlare di Fire Emblem sulla sua pagina, quindi, come se non bastasse, si è messo pure a scrivere per Nintendoomed.
Lo trovate anche su Facebook e su Twitter.

Autore: Luca "Lucas" Oberti

Traduttore di professione, esperto di narrativa e appassionato di entrambe le cose. Colpevole di aver pensato più volte "gioco per la trama". Interessato principalmente a RPG e Visual Novel, perde troppo tempo al giorno a parlare di Fire Emblem sulla sua pagina, quindi, come se non bastasse, si è messo pure a scrivere per Nintendoomed. Lo trovate anche su Facebook e su Twitter.