23 settembre 2017 • Notizia

Bethesda vuole continuare a supportare Nintendo Switch

Con grande sorpresa, Bethesda è attualmente uno dei maggiori supporter di Switch. A differenza delle precedenti console di Nintendo, la compagnia sta già progettando diversi titoli per l’ibrido della grande N. The Elder Scrolls V: Skyrim è in arrivo a novembre, seguito da Doom nel periodo natalizio, e Wolfestein II nel 2018.

I fan Nintendo saranno felici di sapere che questo può essere l’inizio dei piani di Bethesda per Switch. In una intervista con GamesBeat, il vice presidente delle comunicazioni e del marketing Pete Hines ha menzionato che non vogliono rilasciare questi giochi e successivamente fermarsi: “Vogliamo che questo sia l’inizio di una relazione che creiamo con Nintendo e i suoi fan”.

Riguardo il supporto su Switch…
Hines: Non creiamo nessun gioco su console Nintendo da, praticamente, sempre. Breath of the Wild, con il grande gioco che è, c’è sicuramente qualche credenza che, “Ehi, se ti piacciono gli RPG open-world dove puoi esplorare e fare quello che vuoi, Skyrim può essere adatto a te”. Non so quante persone possano essere, però c’è un buon numero di possessori di Switch che non hanno mai giocato a Skyrim prima d’ora. È qualcosa di nuovo per loro, e per chi lo ha già giocato, la possibilità di averlo sempre appresso-come un viaggio o andare a lavoro-è una grande cosa.
E Doom è un tipo di gioco completamente diverso da quelli che stanno facendo gli altri. È uno sparatutto, violento, sanguinolento, in prima persona parecchio divertente. Non vediamo l’ora che arrivino. Entrambi hanno il loro posto su cosa sta accadendo su quella piattaforma.

Riguardo la difficoltà di rendere Doom giocabile su Switch…
Hines: Probabilmente non maggiori rispetto a qualsiasi altra piattaforma. Ogni volta che vai su una nuova piattaforma, ci sono delle sfide in termini su come lavora rispetto ad un PC. Ma sentiamo di avere qualcosa che rappresenta il gioco e che sia bello da vedersi. Alcuni giochi possono essere belli come Doom su Switch, ma non son sicuro che ci sia qualcosa di meglio. È un gioco veramente impressionante e divertente da giocare.

Riguardo le aspettative sui giochi Bethesda per Switch…
Hines: Ovviamente pensiamo che piaceranno. Non siamo in un luogo dove Skyrim viene visto come “Chiunque su questa piattaforma conosce la serie degli Elder Scrolls”. Per diversi giocatori questa è una nuova esperienza. Dobbiamo introdurgli il titolo e spiegargli cosa sia. Ed è lo stesso con Doom. Ci sono stati alcuni crossover, ma anche chi non è sicuro che tipo di giochi siano. Non hanno mai giocato un Doom o uno Skyrim. Serve un minimo di spiegazione per dire “Ecco perché questi giochi son belli e divertenti”.

Riguardo le conversazioni con Nintendo…
Hines: Sinceramente, ce ne sono state tante. Sono passati a trovarci prima che mostrassero Switch al pubblico per mostrare come fosse, e cosa stavamo facendo con esso. Siamo stati costantemente in contatto con loro, e non solo per i due giochi che abbiamo ora, ma anche riguardo il nostro approccio con la piattaforma per il fututo – cosa possiamo fare, quali cose siano più adatte, cosa gli piace di cosa stiamo facendo. Siamo ovviamente eccitati riguardo questi due titoli, ma non è che faremo solo questi due e ci fermeremo qui. Vogliamo che questo sia l’inizio di una relazione che creiamo con Nintendo e i suoi fan.

L’intervista completa è disponibile su GamesBeat a questo indirizzo.

Via | Nintendo Everything

Programmatore di professione, videogiocatore, lettore, scrittore e cazzaro per hobby. Nel tempo libero dedicato a Nintendoomed fissa il codice del sito sperando di scriva da solo.
Grande fan di Sonic the Hedgehog, adora passare il tempo a parlare male di Mario per dare risalto a personaggi migliori come Crash Bandicoot e Spyro, oltre a piangere lo schifo che è diventato Sonic.
Ah, e ama pure la birra. Quella buona.